Aldo Adriani



POESIA: TUTTO E’ COMPIUTOR
Mobile Immobile senz’anima chiami

Tappeto di Lettere Spremute
Specchio d’Immagini Perdute

Ti lisci di Polvere smaniosa a Rincorrere
Ti fasci di Onde e Miserie Profonde
Ti lasci Osservare come il Saggio la Dote
Ti mesci Ascoltare fuggevoli Note

Ti Uso e mi Usi in Prigioni Legati
E’ ormai già Compiutor da te Liberati.
– 12/01/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *