Mauro De Candia

POESIA: La Carne del Giorno

È il bilancio sferratoci contro,
al frollare di ogni nuvola-schiuma,
lo sgocciolare di un giorno
chino di schiena
e infiammato di rossore.
Perde l’odore di selvatico
eppure resta, quello,
un corpo di carne,
cadavere d’alba ignara di futuri,
a penzolare in cielo.
Mentre attorno ronzano come mosche
i pensieri delle ventiquattr’ore,
qualcuno dei piu grossi vi si appiccica
come su carta moschicida,
ed è perso per sempre,
nell’ondeggiare in lontananza,
avanti e indietro,
all’ombra e in luce.
Ad altri pensierini ci arriviamo
con gambe di volpe
avida di scarti.
Quando la carrucola tira su il tutto
e versa inchiostro di notte,
accorriamo di sotto
a soffocarci di briciole,
da conservare dentro
come in una buatta
spiumata di riserbo
(la trasparenza).
Ed ogni briciolina
pigola,
fan chiasso tutte insieme.
Ma la carne del giorno
risale al cielo agghignato
di tramonti acidi di sfregio
e non la addentiamo mai. – 28/02/2017

Please follow and like us:

Alessandro Taurino

POESIA: OSTACOLO

Solido, intangibile
il muro che perenne ci ostacola.
Freddo, impassibile
la parola diventa inutile.
Schiavi del nostro retaggio
nascosti dietro il linguaggio.
In perpetua comunicazione,
ciò che sfugge
alla nostra comprensione
ancor ci strugge.
Vicini ci feriamo
ma non possiamo fare altrimenti
Da soli non esistiamo,
andiamo avanti masticando lenti. – 28/02/2017

Please follow and like us:

Angela Becagli

POESIA: Oltre il tempo,lo spazio ; spingo oltre ogni limite , ascolto solo il mio passo , che, vaga lento si muove veloce aspetta qualcosa, in ogni dove . Ricerca estenuante, lavoro sudato …quanto è difficile scordare il passato. – 28/02/2017

Please follow and like us:

Cinzia Moroni cinzia

POESIA: il nulla ti ha portata da me in un giorno che sarebbe diventato speciale.
stupore e sorpresa nel percepire la tua voglia di vita.
tu piccolo esserino indifeso
senza la fortuna di conoscere chi ti dato alla luce,
ma Dio ha voluto che fossi portata dalla mano del destino sui miei passi….per allevarti accudirti amarti come solo un figlio si può amare…
notti insonni, problemi, angosce…felicità risate, giochi,sonni profondi, lunghe passeggiate….tre anni di noi due che eravamo una sola cosa io e te…poi la stessa mano del destino che ti ha portata da me…..da me ti ha portata via in in soffio di vento gelido che mi ha fermato il cuore….non ti dimenticherò mai finchè avrò vita piccolina mia adorata..gattina figlia mia per sempre

– 28/02/2017

Please follow and like us:

Maria villani

POESIA: Desta

“Stanotte ho paura
Il vento mi martella
La testa..
E il cuore le va dietro,
Animandosi in un moto
Mai udito prima..
Se avessi Fantasia
Mi coprirei con uno Scudo
Di bronzo ..
Mi costruirei un Guscio
dorato e luminoso.
Soffierei aliti caldi
E sereni
Questa notte.”
– 28/02/2017

Please follow and like us:

Daniele Bianco

POESIA: LA MORTE

Questa è la morte,
a volte la senti a te vicina
in altre assai lontana,
da quando nasci
cammina al fianco tuo
col passo suo silente,
la falce nella mano.
È dolce per chi soffre
vivendo mestamente,
crudele per l’opulento
a cui non manca niente,
ma lei continua a misurar
lo scorrere del tempo,
mietendo il suo raccolto
indifferente. – 28/02/2017

Please follow and like us:

virginia tripoli

POESIA: MARE D.AMARE….Quando la forza della vita incontrerà la notte tutti si alzeranno come schiuma bianca in cima all’onda.Per indietreggiare non serve coraggio.Il giorno segue la notte come l’onda segue il mare.Come i flutti scendono nei sentieri dell’ignoto così la vita risorgerà in altra vita con l’amore e la speranza. – 28/02/2017

Please follow and like us:

Salvatore Babuscia

POESIA: Poeta mai nato
Scrive una lirica
E la tiene nascosta
Nessuno è poeta
Ma nel cuore la posta
Cosa importa
Leggila al vento
Che la porti lontano
Tra le cime di alberi
Di montagne sperdute
Dove rime perse
Volando nel bosco
tendono la mano
e accarezzano il cielo.
Lontano! Lontano! Lontano!
parole mai perse
nate dall’animo
di penne diverse
che gridino al mondo
spargendo di fiori
fermando l’odio
in una pioggia d’amore .

– 28/02/2017

Please follow and like us:

Eleonora Matteucci

POESIA: Lettera dalla guerra:

Sai, Fuggire non è facile, da qui
Ti scrivo dal niente
Lo vedo dal mio riso da bambina che non c’è più
Affronto il giorno e passerà la sera, o forse no
Questa strada invisibile
Non so dove andr
Muri ,pianti, vuoti e nuvole
È la mia realtà

Come un’aquilone
Voglio volare via
Tienimi per mano
Saliamo piu su

Sai, La vita non è facile, quaggiù
Amica mia
Lo vedo dal mio riso da bambina che non c’è più
Uomini che lottano contro se stessi, che senso ha?
Comprate metri di coscienza!
Basta!
voglio vivere!

Come un’aquilone
Voglio volare via
Tienimi per mano
Saliamo più su

Se io fossi come te, forse mi vedrei
Mi specchio e vedo solo un numero
vedo il cielo piangere colpe e bugie
Rubo una mela e rido , lacrime.
– 28/02/2017

Please follow and like us: