Aperitivo con l’Autore a Cortina

 

Anche quest’anno, durante il mese di Agosto, l’editore Luciano Lucarini, insieme a Santino Galbiati, organizzano il consueto appuntamento “Aperitivo con l’Autore”. L’evento offre un ricco programma di presentazioni di libri, che diventano lo spunto per dibattiti ed incontri con i vari autori.

L’atteso evento, si tiene ormai da diversi anni presso il Grand Hotel Savoia, nella splendida cornice di Cortina d’Ampezzo.

Si inizia il 3 Agosto con la presentazione dell’ultimo libro di Daniela Santanchè, “Sono una donna sono la santa”, per proseguire poi, il 5 e 6 Agosto con Alessandro Sallusti e Matteo Salvini.
Il 7 Agosto sarà la volta di Riccardo Nencini, il 10  la scrittrice e psicologa Maria Rita Parsi presenterà il suo volume “Se non ti amo più”, seguito da quello di Domenico Fisichella l’11.
“C’eravamo tanto amati” è il libro scritto e presentato, il 16 Agosto, dal giornalista e conduttore televisivo Bruno Vespa. Mentre il 17 sarà la volta di Marina Ripa di Meana.
Il 18, 19 e 21, gli autori Sforza Ruspoli, Magdi Cristiano Allam e Giancarlo Mazzuca ci faranno conoscere i loro ultimi lavori.
La rassegna si chiude il 22 Agosto con la presentazione del libro di Rosanna Lambertucci.

Di seguito la locandina con  tutti gli appuntamenti in programma e gli orari.

 

 

Please follow and like us:

Aperitivo con l’Autore

aperitivo_autore_pagine

Come di consueto, anche quest’anno, si tiene l’evento estivo “Aperitivo con l’Autore”, organizzato dalla Casa editrice Pagine e dall’editore Luciano Lucarini. La rassegna è presentata da Giuseppe Sanzotta e dallo stesso editore.

Gli appuntamenti sono 3; il primo Sabato 8 Luglio alle ore 18.00, vedrà protagonista il politico e docente Domenico Fisichella, presentare il suo libro “Sovranità e diritto naturale” edito da Pagine.

Si prosegue Sabato 15 Luglio con Marina Ripa di Meana che parlerà del suo ultimo libro “Colazione al Grand Hotel” e infine,  Sabato 22 Luglio sarà la volta di “Alla luce del mito”, scritto dal giornalista e saggista Marcello Veneziani.

Tutti e tre gli appuntamenti si tengono presso il parco dello Sporting Club di Santa Marinella alle ore 18 con ingresso libero e drink.

Please follow and like us:

La casa editrice Pagine parteciperà alla presentazione del volume Georg Büchner WOZZECK tradotto e commentato da Rocco Familiari.  Durante l’evento interverrà l’editore Luciano Lucarini.

Inoltre, Il MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma, in collaborazione con la cattedra di Storia del Teatro – Scienze della Formazione Roma Tre – presentano il primo volume della Collana di Studi di Teatro Contemporaneo e Cinema diretta da Gianfranco Bartalotta.
In contemporanea verrà presentato WIR ARME LEUT, ciclo pittorico di Luigi Nanni ispirato al Wozzeck, in mostra fino al 4 giugno.

L’attore e regista Cosimo Cinieri, reciterà alcuni brani tratti dall’opera.

Please follow and like us:

Poesia a Rebibbia

 

 

La casa editrice Pagine prosegue con successo il progetto “Poesia a Rebibbia”, nella sezione femminile del carcere romano.
L’ iniziativa si tiene ormai da diversi anni e ha la finalità, altamente sociale, di fornire nuovi strumenti per l’ inserimento sociale e lavorativo delle detenute, attraverso la loro crescita culturale.

Il laboratorio di poesia si sviluppa in due quadrimestri, ed è rivolto alle donne di tutte le etnie e grado di istruzione che frequentano i corsi di scuola superiore. Le detenute sono impegnate in lezioni di lettura e spiegazione della poesia, di composizione e di giornalismo, tenute dal poeta e critico letterario Plinio Perilli.
Grazie a questi momenti  le detenute imparano ad esprimere le loro emozioni, a riflettere sugli errori commessi e far diventare l’esperienza del carcere un momento di crescita personale.
Ricevono nuovi stimoli per acquisire una diversa consapevolezza di se stesse e delle loro capacità per inserirsi nella società in modo diverso, una volta scontata la pena.

L’editore e ideatore dell’iniziativa, Luciano Lucarini, al termine del percorso stamperà un volume contenente una raccolta di poesie scritte dalle stesse detenute. Poesie che raccontano le loro emozioni ed esperienze; poesie sulla vita.

Please follow and like us:

Intervista a Claudia Sedda- vincitrice del Concorso Viaggi di Versi VIII edizione

viaggi_di_versi_claudia_sedda

Claudia Sedda è la vincitrice dell’ VIII edizione del Concorso di poesia “Viaggi di Versi”, indetto dalla Casa editrice Pagine. La sua poesia “Tramonto dal carcere”, trasmette tutta l’emozione e la solitudine, di chi, tutti giorni, aspetta la sera per ammirare il tramonto nella cella di un carcere.
Al fine di farla conoscere al nostro pubblico di lettori, le abbiamo realizzato un’intervista, per sapere qualcosa su di lei e sulla sua passione.

 

PUO’ RACCONTARCI , PER INIZIARE, QUALCOSA DI LEI (LA SUA ETA’, DOVE VIVE)?

Il mio nome è Claudia Sedda, ho venticinque anni e abito ad Oristano, in Sardegna.

PUO’ DESCRIVERCI BREVEMENTE GLI STUDI O, PIU’ IN GENERALE, IL PERCORSO CHE HA INTRAPRESO E/O STA AFFRONTANDO ADESSO IN RELAZIONE ALL’ ARTE DELLA POESIA?

Mi sono diplomata all’Istituto Statale d’Arte Carlo Contini di Oristano, indirizzo ceramica. In seguito ho studiato per due anni fotografia allo I.E.D (Istituto Europeo Design) a Milano. Una volta tornata da Milano, mi sono diplomata in Tecniche del Massaggio, e attualmente lavoro come operatrice del benessere in uno studio da me aperto nel 2014 (Studio Reginagnese). Riguardo all’arte poetica sto frequentando da due anni un corso di scrittura creativa tenuto dalla scrittrice Savina Dolores Massa.

PUO’ RACCONTARCI SE HA GIA’ PUBBLICATO LE SUE POESIE, SE HA PARTECIPATO AD ALTRI CONCORSI E SE HA RICEVUTO RICONOSCIMENTI?

Non ho mai pubblicato le mie poesie, né partecipato a concorsi letterari, eccetto questo.

COSA PROVA NEL MOMENTO CREATIVO CHE CULMINA POI IN UN SUO LAVORO POETICO?

Non ho mai pubblicato le mie poesie, né partecipato a concorsi letterari, eccetto questo. Non credo ci siano dell’impulsi emotivi specifici che mi portino a scrivere poesie, più che altro è la volontà di raccontare qualcuno o qualcosa che mi spinge a farlo, e mi capita spesso di immedesimarmi in individui lontani dalla mia persona.

PUO’ RACCONTARCI LA STORIA DELLA POESIA CHE L’ HA PORTATA A VINCERE IL NOSTRO CONCORSO?

La poesia vincitrice è nata all’interno del corso di scrittura creativa che frequento. Il tema dell’anno passato erano i luoghi dimenticati della mia città, tra questi vi è il carcere di Piazza Mannu che ora è abbandonato e non ospita più nessuno. Ho scelto il tramonto come metafora della vita, perché una delle poche certezze che immagino possa avere una persona che vive la vita nella ripetitività di una cella sia quella della morte. Il tramonto è una certezza perché ogni giorno si ripeterà, così come la morte è l’unica certezza che abbiamo nella vita.

COSA SI ASPETTA DAL SUO FUTURO ARTISTICO?

Non ho grandi aspettative in relazione alla poesia, scrivere poesie mi aiuta, ed è più una cosa personale. Se questo in seguito porterà anche dei frutti, ben venga!

Claudia Sedda

Please follow and like us:

Intervista all’autrice Daniela Langone

Daniela Langone è una giovane autrice che ha partecipato all’ VIII edizione del Concorso di poesia “Viaggi di Versi”, indetto dalla Casa editrice Pagine.  La nostra giuria ha molto apprezzato la sua poesia “Vento”, classificandola alla terza posizione.  Al fine di farla conoscere al nostro pubblico di lettori, le abbiamo realizzato un’intervista, per sapere qualcosa su di lei e sulla sua passione.

 

  • PUO’ RACCONTARCI , PER INIZIARE, QUALCOSA DI LEI (LA SUA  ETA’, DOVE VIVE)?
    Sono nata e vivo a Potenza e ho 35 anni.
  • PUO’ DESCRIVERCI BREVEMENTE GLI STUDI O, PIU’ IN GENERALE, IL PERCORSO CHE HA INTRAPRESO E/O STA AFFRONTANDO ADESSO IN RELAZIONE ALL’ ARTE DELLA POESIA?
    Ho conseguito una maturità artistica e l’ interesse per la poesia è nato tra i banchi, studiando i grandi autori italiani e stranieri, quali  D’Annunzio, Neruda,  Prévert e il  leggere e il conoscere mi hanno spinta a scrivere, quasi come naturale conseguenza.
  • PUO’ RACCONTARCI SE HA GIA’ PUBBLICATO LE SUE POESIE, SE HA PARTECIPATO AD ALTRI CONCORSI E SE HA RICEVUTO RICONOSCIMENTI?
    Ho pubblicato qualche poesia su un forum di discussione femminile, in forma anonima in quanto non era importante farmi conoscere, ma semplicemente avere qualcosa da dire agli altri. Sono fermamente convinta ,che in un’epoca che vive di immagini e di selfie come la nostra, le parole hanno ancora una loro forza e non dobbiamo dimenticarcene.  
  • COSA PROVA NEL MOMENTO CREATIVO CHE CULMINA POI IN UN SUO LAVORO POETICO?
    Quando scrivo una poesia,  io trascrivo le mie vicissitudini,  passandole attraverso un filtro emozionale che mi permette di rielaborare ciò che mi accade, di riflettere e di sfogarmi, affidando le confidenze al  foglio bianco .
  • PUO’ RACCONTARCI LA STORIA DELLA POESIA CHE L’ HA PORTATA A VINCERE IL NOSTRO CONCORSO?
    La poesia che ho scritto è nata da una semplice incomprensione con il coniuge, che mi aveva lasciato in bocca un pò di amaro e  che, calmate le acque , ho sentito il bisogno di fissare sul foglio, come esperienza di vita.
  • COSA SI ASPETTA DAL SUO FUTURO ARTISTICO?
    Vorrei un giorno poter pubblicare un vero e proprio diario in versi, che contenga,  come un album di Polaroid tutte le mie istantanee esistenziali, negative e positive, affinché anche gli altri possano riconoscersi nella mia normalità e trovare le risposte ai loro problemi.

 

Daniela Langone

Please follow and like us: