Domenico Maraglino



POESIA: NEVE
Sabbia bianca,
sale insapore,
mani infuocate di freddo;
non rammento Passato
che la felicità si coglie
quando mi penetra .
Combatto la superficialità della vita
che come una maschera si nasconde,
lottando,a sua volta ,tra Neikos e Philia .
Discorsi profondi ,immuni ,
ma vulnerabili
verso loro madre Realtà .
La soluzione è soggettiva e infinita ,
parole che volano e che giocano in cerchio ;
disinteresso me stesso
profondente Amore regale
alle gioie vere e pure .
Sogno giochi immaginari
per il desiderio di vita . – 13/01/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *