Maria Grazia Guastaferro



POESIA: In risposta ad eco incoscienti

Non pronunciare
la parola
che io porto scolpita.
Non sussurrarla,
taci.
Tanto è stato detto.
Zitta è la parola.
Sangue di città mute,
superstiti.
Sconosciuta e perduta
è la parola,
in questi tempi
di facili bandiere
e bocche per fucili.

Quali barbarie
non temi più?
Le hanno raccontate troppe volte.
Quale odio
indosserai presto?
Nemmeno te ne vergogni.

Umanit
è la parola
che ora ti nego.

Hanno ucciso mio figlio stanotte,
non domandare dove.

Umanit
è la parola
che il tuo chiedere insulta.

Hanno ucciso mio figlio stanotte,
non domandare dove.
Mio figlio è tutti i figli.
– 17/01/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.