Nicola Fudoli



POESIA: Tra i muti avelli

Quando domani l’ombra triste e greve
dell’oblio eterno sarà scesa, amore,
su queste umane cose, e il sogno breve
sarà finito e l’umano dolore.

Quando domani, tra le croci bianche,
nella terra che tutti ci accomuna,
riposeran le nostre spoglie stanche
al placido chiarore della luna;

barcollando verrò tra i muti avelli,
all’ombra dei cipressi abbandonati,
e cercherò i tuoi occhietti belli,
i tuoi bruni capelli profumati.

Ti strapperò, se pur per un momento,
ai sogni eterni, al sonno senza fine,
sì che ti sfiori il viso ancora il vento,
sì che possa riudire le mie rime.

Rimembrerem, nell’ombra della sera,
felici istanti della giovinezza:
ansie e timori dell’età più bella.

E tornerà a fiorir la primavera.
E tornerà la giovanile ebbrezza.
E brillerà lassù l’amica stella.

– 28/01/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *