Raffaele Olivieri



POESIA: Almanacco

Ci sono giorni in cui il merlo fischia sulle cabine,
i DC 9 sorvolano il tuo primo sonno
e gli oceani diventano piccoli
per essere chiusi nel mappamondo.
Ci sono giorni
in cui vorresti scrivere versi su uno scontrino,
entrare nei vicoli della memoria,
vicoli ciechi,
freschi come giardini chiusi.
Ci sono giorni
in cui gli ammalati fuggono dalle sale d’attesa,
i malandrini entrano di soppiatto nelle case
e i ministri viaggiano senza biglietto.
Ci sono giorni
per vivere, giorni per morire,
giorni da segnare sul calendario.
Ci sono giorni
in cui i poveri dormirebbero sull’addiaccio pur di vivere nel quartiere latino
o sporgersi dal Tower Bridge in direzione delle navi,
toccarle un’ultima volta prima che il ponte si alzi.
Ci sono giorni in cui ti alzi e il dentifricio non ne vuol sapere, giorni sempre uguali, giorni che corrono via senza freni, giorni per non muoversi di casa, giorni importanti, giorni senza data.
Ci sono giorni
in cui le mele sono immangiabili, i bambini non vogliono le fiabe
e vanno a dormire senza le preghiere.
Ci sono giorni in cui i treni non portano ritardo,
le vespe vanno in giro senza pungiglione
e le donne sono particolarmente inaffidabili.
Ci sono giorni senza un inizio preciso,
giorni senza fine,
giorni vuoti come buchi neri,
giorni che non ne vale la pena.
Ci sono giorni in cui la borsa è alle stelle,
giorni in cui si vedono le stelle dell’Orsa,
giorni in cui le borse cambiano pelle.
Ci sono giorni in cui le allodole dormono sul davanzale,
i mendicanti si aspettano dei miracoli
e gli spazzacamini credono ancora che ci sia Natale.
Ci sono giorni
in cui diresti tutto il bene e tutto il male del mondo,
giorni in cui ti venderesti per nulla,
altri in cui è impossibile rilasciare dichiarazioni.
Ci sono giorni in cui Magritte esce nottetempo dal museo
come se fosse ancora tempo di rivoluzioni
e vuole far esplodere i sotterranei.
Ci sono giorni in cui i film coincidono con la vita,
giorni in cui ti sembra di non recitare,
giorni in cui hai finito la pellicola.
Ci sono giorni
in cui vorresti arrivare ad una conclusione,
giorni in cui potresti anche volare,
giorni in cui è bello cenare tutti insieme:
P a r l a t e p i a n o, raccomanda l’oste, il vino riposa.
– 31/01/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *