Catia Cicchetti



POESIA: TROGLODITI VESTITI A FESTA

Ecco, questo siamo in realtà,
trogloditi vestiti a festa.
Siamo entrati nel nuovo millennio in pompa magna,
ci sentiamo progressisti, evoluti, emancipati.
Abbiamo cultura, mezzi, idee.
Pazienza se stiamo affossando la scuola, se stiamo dimenticando
filosofi e grandi pensatori, pazienza se quelli che hanno le idee,
devono andarsene dal proprio paese se vogliono svilupparle.
Abbiamo tecnologie all’avanguardia
con le quali possiamo fare cose sorprendenti.
Pazienza se siamo solo degli utilizzatori e non abbiamo
la più pallida idea di come funzionino.
Se ce le togliessero all’improvviso non sapremmo
da che parte cominciare per ripristinarle.
Abbiamo case sicure, o quasi… abbiamo lavori
di grande prestigio, a volte…. abbiamo di che sfamarci
in abbondanza, quasi tutti… abbiamo benessere economico, qualcuno…
Pazienza se il nostro paese è pieno di sfollati per terremoti,
inondazioni, valanghe, frane e quant’altro la natura si sia
sbizzarrita a proporci nel tempo.
Pazienza le la disoccupazione è alle stelle e la maggior parte
delle persone deve fare lavori miseri e miseramente pagati
per portare una pagnotta sulla tavola.
Pazienza che nel mondo muoiano migliaia di persone tutti i giorni
perché non hanno di che nutrirsi.
Pazienza se le nostre strade sono piene
di ragazzi di colore che vogliono venderti calzini
o fazzolettini a tutti i costi. Se i semafori sono piantonati
tutto il giorno da poveracci che mendicano qualche spicciolo.
Se ad ogni angolo di strada barboni, storpi, vecchi derelitti
che provano a stimolare la pietà nei passanti.
Se ci guardiamo torvo l’un l’altro perché le città sono colme
di delinquenti di vario grado, ladri soprattutto.
Se qualche giovane, troppi giovani, sono imboscati nell’oscurit
a farsi di qualunque cosa siano riusciti ad ottenere,
pur di scordarsi il mondo in cui vivono.
Se altri giovani e perché no, anche qualcuno meno giovane
si riempie di alcool per lo stesso motivo, per cercare di non pensare
sempre costantemente alla propria vita.
Abbiamo fatto progressi inimmaginabili nella medicina,
possiamo curare un’infinità di malattie…
tanto che abbiamo dovuto inventarne, crearne altre
per poter continuare a progredire.
Pazienza se ci fanno respirare veleno,
ci danno da mangiare veleno,
ci danno da bere veleno.
poi ci curano…
Pazienza se non tutti possono permettersi le cure.
Pazienza se a tanti tocca tenersi i propri acciacchi.
Di qualcosa bisogna pur morire…
Abbiamo città con grattacieli svettanti
grandi strade, bellissimi viali alberati,
tanti parchi cittadini, pieni di giochi per i più piccini.
Siamo esseri civilizzati che si preoccupano per gli altri…
Peccato che abbiamo marciapiedi pieni di buche insidiose,
colonne annerita da piscio dei cani,
escrementi vari lasciati in giro da civilissimi padroni di cani.
Parchi pieni di cartacce, cicche buttate in ogni angolo, in ogni tombino,
persino in ogni vaso da fiori incautamente lasciati fuori dai negozi.
Ecco, questo siamo in realtà,
trogloditi vestiti a festa.

– 11/02/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.