Luca Paganotti



POESIA: Tessuto [2015-03-16]

E’ un ruvido tessuto,
ne ricopre tutta la superficie,
quando si muove
sfrega, strofina.

Lo avvolge nel suo moto,
tu .. tu tu … tu .. tu tu …
sento formarsi lievi solchi,
via via sempre più profondi.

Pulsa ritmicamente,
ogni battito vi scava
sempre più profonde cicatrici.

Sono le interiora
aggrovigliate dell’anima.
Reticolo astringente,
di tapezzanti ragnatele.

Avvolgono il garzuçlo delle emozioni,
le schiacciano in gabbia sul nascere
mutilate nel vedere la luce
che filtra attraverso i loro vuoti.

Una severa prigione
per il mio precordio,
laro palilalico
che non può più parlare,
non può più volare.

Adoro le parole di colei
che vuole che io esista.
– 24/02/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *