Niccolò Stopponi



POESIA: PER ME SOLO LA PAURA

S’apre la porta assiomatica:
nelle rovine del sisma e del caos
l’ansia senza forze s’affanna.

Tra quei morti in una casa
nel nulla di Dio,
tra quei vivi senza più una casa,
ma che sono pieni di Dio.

Germoglia il cammino
in un futuro incerto.
nella somma di solitudini
strappa un sorriso latente
per rompere quel ghiaccio pungente.

Più che lottare con me stesso
mi tengo in equilibrio,
attingo dalla mia innata disobbedienza
in un’inutile bramosia di solidarietà.

Sono salvo ma tra incubi di mari,
e se il tempo si rompesse
vivrei in prigioni.
Sono libero ma nella noia del peccato,
e se il silenzio fosse mio
non avrei più meta.

– 04/03/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *