Maria Teresa Sampietro



POESIA: di qualche cane vagabondo e perso
e c'ero anch'io, seduta ad occhi aperti
nell'afa ferma della mia stazione,
la vita come un quadro appeso al muro,
sbilenco, che non riesco a raddrizzare
– ché per quanto ci provi, torna al punto,
dondolando un ricordo o una canzone.

E c'era il grido roco del metallo
che stritola i rifiuti di giornata,
l'odore greve, il cigolio pesante,
la ripartenza faticosa e incerta.

Domani farà fresco, ha detto il meteo.
Parapioggia a colori  e bianconuvole
coi bordi scintillanti di un sole a nascondino.
Di nuovo sulla giostra, tutti quanti.

E nemmeno un gettone per giocare. – 16/03/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *