Angelo Lozzi



POESIA: Tra madre e figlio.

A vorte certe cose maledette, che succedono nel corso della vita,
te fanno veni’ un dubbio, ma niente niente,
quarcuno me sta’ sfiorando con le dita???
Te giri, guardi il vuoto e in quel momento,
quarc’uno li vicino con un gesto,
lo senti e’ stato veloce e presto presto, te sfiora li capelli color d’argento.
Sei tu? No, ma che sto a di’, mo’ parlo pure,
me manca solo de fa certe figure, pero’ quella strana voce l’ho sentita,
me sento sfiora’ ancora con le dita.
A Ma’ nun te strazia’ nun serve a niente, noi stamo bene, qui, c’e’ tanta
gente, ognuno con una storia e con destino,
noi da quassu’ ve guardamo da vicino.
Allora risponneme a sto semplice quesito,
sei tu che la sera giri pe’ le stanze?
So io Ma’, ma tengo le distanze, posso solo sfioratte con un dito.
Eppure io te sento qui vicino, e’ come se niente fosse stato,
te sfioro, te accarezzo e poi te bacio e questo me fa anda’ avanti nel cammino.
Abbracciame Ma’, ancora pe una vorta, te vojo vede’ sempre sorridente,
non serve piagne dietro a questa porta, la vita e’ bella se la sai prende.
Alza la testa, guarda fuori c’e’ la vita, devi viverla con Amore e con
Dolcezza,
me sento sfiora’ ancora con le dita…………………………………………
No, stavorta e’ veramente una carezza. !!!!!!!! – 24/03/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *