Sonia Rigo



POESIA: PRIMAVERA LONTANA

Walzer di un violino
sentito nei boschi
sussurranti, di vesti fruscianti
d’innocenza d’altri tempi
dai miei ricordi tu riemergi.

Sotto la semplice oscuritÃ
di un ombrellino, che raccoglie,
per non darmi
i raggi del sole,
tra sorrisi incerti
e schermaglie d’incanto
nella tua luminosità ancora danzo.

Danzo in tutti i tuoi castelli
tra i fiori raccolti da mani d’arte
negli specchi discreti
fra inchini d’altri tempi,
e gioco,
sulle note che io solo conosco,
ad una Primavera lontana.

– 04/04/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.