STEFANO GIUSEPPE SCARCELLA



POESIA: Rincorro questo senso di pace
sotto il tetto di beatitudini,
ma di una navata laterale

La vita m’ha chiesto una fermata

perciò macino silenzi, a manovella,
come chicchi di caffè tostato
dall’aroma fresco e pungente

tagliente non più di quest’incenso
all’ambra dei monaci di Betlemme

S’allontana questo feretro fiorito
barcollante sulle spalle
e son desto, non è più mio

non mie le ruggini né le croste
non mie le nausee né i disordini
non mie le domande né le risposte

Tutto ho rinchiuso là dentro:
scartoffie e macerie divelte

Non voglio condoglianze né lutti

Ora sì che la vita profuma
di balsami, di benevoli raziocini,
di silenzi sgrassati e zuccherati

– 19/04/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *