Carolina Romby



POESIA: RAGGIO DI LUCE

Ero soltanto una creatura vagante
nel mondo temibile che non ha colore
e la mia anima, cristallizzata,
imparava la gioia di vivere
attraverso il dolore.
Anelavo la libertà dello spirito
restando schiava del passato
quando un improvviso vento
mi tarpò le ali, con furore.
Ma quando un raggio di Luce
illuminò il mio cammino
udii la Tua voce
pensando che fosse la mia,
guardai il Tuo sorriso
pensando che fosse il mio.
E in una notte profonda
il cui inizio è la fine
e la cui fine è l’inizio,
sentii parlare l’eternit
mentre infuriavano,
in una tempesta silenziosa,
le mie profondità.
Così ad un estraneo
da sempre conosciuto
la mia disperazione gridava
mentre la speranza cantava.
Vorrei che tutti gli uomini
volassero con fervore
sulle ali di questa nuova libertà,
che risuscita l’anima
e illumina il cuore.

– 27/05/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.