Parisi Antonino



POESIA: lu regalu ca mi fici

e ca io pi ringraziari

di la matri celeste lu nomi ci misi.

Si vi dicu  cari signori

comu si inchi lu me cori

quannu corcunu mi veni a dici

ma chi bedda picciridda

matri comu t#039assumigghia

ci scummettu ca è  to figghia.

E vincistivu a scummissa

chista bedda picciridda

e la me principessa.

E pi mia ca lu patri sugnu

senza ca ci gira n#039;tunnu

e#039; la cchiu#039; bedda di lu munnu!

Matri chi suddisfazioni

quannu la sira  tornu a la casa

idda mi vidi

mi curri a lu n#039;contru

mi veni abbrazza e mi veni a basa.

Mi fa passari la stanchizza di na jurnata di fatica

chi u signuri la benedica.

Sì vi dicu cari amici

e criditi a cu vi lu dici

ca sugnu l#039;omu di lu munnu cchiu#039; felici.

Chi faciti, mi criditi?

Si,mi criditi,io lu sacciu ca mi criditi!

Criditi a un omu  di quarant#039;anni

ca si spugghia#039; di li  so panni

di  giovanottu scapestratu

e visti#039; li panni di un patri nnamuratu!

Si vi dicu,si vi dicu….

Ma cu è  patri già  lu sapi

comu cancia la so vita

quannu metti su famigghia

e lu Signuri ci fa lu donu di na bedda picciridda!

Si vi dicu…si vi dicu…

Ma cu è  patri già  lu sapi | sorgente: http://m.facebook.com/ – 08/03/2018

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *