Marina Nicolò



POESIA: Occhi ribelli
Guardo, osservo e ti combatto.
Combatto te che rubi la vita.
I miei occhi ribelli trasformano Medusa.
Morte tu che rubi alla Vita
miserabile ridammi i miei anni.
Morte tu che rubi ai poveri come ai ricchi
ridammi miei sorrisi.
Occhi ribelli urlano per tutte quelle genti
che in nome del ” il lavoro rende liberi”
tu cattiveria non cada nell’oblio.
Monito sia di noi occhi ribelli
che strappato il mantello all’oblio
denudiamo la viltà.
– 28/01/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *