Giulia Caputo



POESIA: E tu,
sempre sei il coltello che fruga dentro me nella nella mia anima
come nessuno mai.
La lunga notte era passata
ascoltando ogni tuo gemito, assecondando ogni tuo vizio , fondendo il verbo con la carne …
ma il tempo si sa scorre lentamente ,
“tic tac , tic tac” e scandito da lancette , diventa unità di misura del dolore …
Dolore che avevo
Dolore che non ho
– 29/01/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *