Costantino Ciaramaglia



POESIA: Mi vedo già’ dimenticato
come queste vecchie ancore,

spolverato del buio di ogni luce,
abbandonato e stanco,
al confine tra il dirupo e il cielo.

In un angolo di tempo,
si e’ scontornato l’attimo,
ribelle quanto basta,
preciso quanto serve,
assoluto ed indistinto,
feroce nel racconto.
Ora vivo ruggine,
servo a consumare spazio,
aspetto i crediti mai avuti
in una pozza aliena,
fatta di sangue senza sale,
di respiro caduto in terra.
E mentre tutto passa ,
io resto,
aggrappato a una radice,
assoluto nel mio nulla.
Mi vedo già’ dimenticato,
dopo avere lavato i giorni,
asciugato gli anni,
conservato il tempo.
Io,
qui,
sotto il cartone dei tuoi occhi.

(Costantino C.) – 19/02/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *