Marco Podda



POESIA:

Di gramigna e di salvia
profumano le tue
note, amico che vai,
ma i ricordi sono
giallo notte, fumanti
stelle che ci scaldano
scoppiettando nel buio.

Sciacqui la bocca amara
e le nostre lingue si
impastano nei sempre
ed albeggiano i dove.

Comunque ancora qui
siamo: a chiedere poco
ma forse con più fuoco
a dare. Tranquillit
deificate – e pur
mai volute – di fiori
dipingono la strada:

ma, sotto a noi, i duri
piedi ci sgretolano
più organigrammi con
e senza i nostri sogni.

Ben aguzzi e ruggini
qui, stasera e nell’alcool,
è facile scalare
grandezze ed abissi. – 21/02/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *