Oreste Malatesta



POESIA: Il sogno di topolino

Topolino, inseguito dal gatto,
trovò scampo nel cavo di un muro
e rimase così, quatto quatto,
tutto il giorno protetto e sicuro.
Quando venne la notte sul mondo
Topolino il musetto chinò
e, rapito in un sonno profondo,
fece il sogno che qui vi dirò.

Sognò un mondo lieto e bello
dove il gatto è un fratello
tutto tenero e gioviale,
che non sa fargli del male.
Topolino sognò pure
tutte quante le creature,
volpi, polli, lupi e agnelli
diventar buoni fratelli.
Che delizia sulla terra
senza odio e senza guerra!

Quando venne, col sole, il mattino
Topolino, che ancora sognava,
si svegliò, ma il nemico felino
presso il buco in agguato già stava.
Topolino, con gran delusione,
quando il mondo reale tornò
ripensando alla bella illusione,
triste e muto nel cavo pensò.

Non c’è un mondo lieto e bello
dove il gatto è un fratello
tutto tenero e gioviale,
che non sa fargli del male.
Ed un sogno vano è pure
tutte quante le creature,
volpi, polli, lupi e agnelli
diventar buoni fratelli.
Che tristezza sulla terra
sempre odio e sempre guerra!
– 22/02/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *