Claudio Romano Politi



POESIA: La camera mortuaria

La morte ignuda gli occhi e stacca i labbri.
Il corpo – più nulla lo trema –
n’è fredda metafora.
Un lume – è poco ed ombroso – declina
sulla nuca della madre, e il piangere
s’ammonta – chi l’ascolta? – nelle mani.
Il padre è vago – da sé fugge
e dal silenzio, e d’altro ride.
Ma di dolore favilla lo sguardo
ed atroce – amico mio, perché?! –
mi cerca. Cerca il figlio.
Col mento proteso il fratello
guarda e tace – è in lui la disgrazia
trasfigurato contengo. Qualcosa
poi l’assale, e rabbuia e cade
il capo sull’amica spalla.

Noi, ci logora il tempo.
Te più nulla, amico mio.
– 24/02/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *