Trunfio Simona



POESIA: Oh me, oh vita

che cosa ho fatto,

come posso essere stato io.

Oh me, oh vita

che ricada su di me, l’orrore di cui sono stato capace,

che possano le stelle della notte ricordarmi il suo volto,

che possa il vento urlarmi il suo nome,

che possa la pioggia ricordarmi la tristezza celata nei suoi occhi

spenti,

e del dolore nascosto al loro interno,
invisibile ai miei, troppo accecati dall#039;ambizione per rendersene conto.

Oh me, oh vita

sono stato io,

che possa la mia memoria ricordare le sue mani

fredde,

immobili.

Oh me, oh vita

che possa il dolore uccidermi.

Che un giorno mi possa perdonare per aver posto fine alle sue speranze e ai suoi sogni.

Oh me, oh vita

riportami da lui
riportami da mio figlio. | sorgente: http://instagram.com/ – 31/01/2018

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *