Enrico Maria Camardo



POESIA: DAL VESPERO AL MATTINO

Del vibrar del cuore, non d’altro v’é bisogno.
Ch’esso sia di gaudio o di tempesta,
ma che sia capace di sfumare
e andare oltre quei confini,
per il carezzar dell’anima,
per tornar bambini.

Come il più efferato dei moti della terra;
turbini di un animo, che perenne erra.
Dal vespero al mattino,
come incandescente un vento,
ineffabile l’anelito, di dar voce anche al silenzio.

E cos’è dunque un poeta,
e cosa la poesia,
se non un’anima incompresa, di pensier gremita,
che mescola emozioni fra chiaroscuri della vita ?

– 10/01/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *