Giuseppe Scrima



POESIA: Seduto su una panchina di una villa,
tutto intorno sembra un ospedale:
siringhe, garze e tanta gente che sta male.
Vedi qualcuno ancor prima del “buco”,
tutto eccitato….. Contento.
Vedi entrare l’ago nella pelle,
quel metallo che √® conduttore di tanta felicit√
per colui che, in quel momento, sta bucandosi.
Ma, questa felicit√† √® un’ utopia e
dopo il buco resti con la siringa e le tasche vuote….
Ma non c’√® nessun problema:
domani, se vivrai, potrai ancora comprarti qualche grammo di felicità. Р10/01/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *