Angela Strippoli



POESIA: LIBERA
Libera,mi chiamò una sibilla
ma forse non lo sono mai stata

Ho piegato la mia schiena
sotto un soffitto cieco
e, per non smettere di sognare,
infioro la bocca con il sorriso

Libera non sono,
neppure nel pianto

Libera non fui,
neppure di raccogliere fiori di carta
nel giardino dell’infanzia

Anche il diritto all’istruzione
mi fu negato

Imparai allora a rubare
e ad accumulare stralci di cultura

E desiderai la penna alla spada
per inchiodare al gelso
il grido, a lungo taciuto – 02/02/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *