Vincenzo De Bernardo



POESIA: SCUSATEMI…

Scusatemi se ancora mi commuovo,
quando na criatura chiamma ‘a mamma,
comme ‘a capisco…, io quando tengo famma,
penso sultanto ‘e ziti c’’o ragù!

Che posso fa. è na cosa istintiva,
succede e io m’intenerisco, ancora,
quando, for’’o balcone spunta un fiore
e me vene ‘o capriccio d’’o tuccà!

Nu cane ca cammina zuppechianno
e se ne va, sulagno, sott’’o muro…,
ddoje parulelle, dette a “muso duro”,
a chi l’ha abbandunato, ‘e voglio di’!

Vi chiedo scusa ma, pe’ mme, è nu spasso,
a offrì nu fiore a qualche compleanno,
‘o vvoglio precisà si nun ‘o ssanno:
nun è dovere, me piace d’’o fa!

Si mmiez’’a ddoje-tre nuvole, ‘e passaggio,
na meza luna, me fa l’occhiolino,
dormo tranquillo, fino ‘e ssei, ‘a matina,
chillo è ‘o mumento che m’aggia scetà!

E comme a tutt’’e juorne, ormai, ‘a na vita,
mentre mi rado, guardo dint’’o specchio…,
appizzo ll’uocchie, llà, ce sta nu viecchio…,
le faccio nu sorriso: “ Ancora, ccà!?”-

13.2.2016
Vincenzo De Bernardo
– 12/03/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *