Bruno Abbondandolo



POESIA: SARAJEVO
Amica mia, dammi una mano,
tu che lo puoi, vola lontano!
Vola per me al di la del mare
dimmi che scorgi, se riesci a guardare.
Guarda all’ingiù,
dimmi; cosa vedi laggiù?

Vedo un bambino con gli occhi bagnati,
vedo un soldato con gli occhi sbarrati,
con gli occhi all’insù,
ha perso la vita e la sua gioventù.

Vedo una donna vagare in città,
cerca suo figlio o la sua metà,
cerca qualcuno che non tornerà!
Ha perso la vita e la sua libertà.

Amico mio, è un inferno laggiù!
Quella gente non ne può più.
E il mondo che fa!?
Pensa per sé, non ha bontà.

Vidi della gente fare la fila
per prendere un pane ed una mela,
sguardi atterriti, passi veloci
oggi io vedo soltanto croci.

A Sarajevo se pan vuoi mangiare
perir di piombo devi rischiare.
Sarajevo! Sarajevo!
Il mondo ti guarda! Ma niente fa!

Vidi un ragazzo, udii la sua voce.
“Mi date del pane”? Ora la c’è una croce.
A Sarajevo se pan vuoi mangiare
morir ammazzato devi rischiare.

Amico mio, c’è fame laggiù!
Quella gente non ne può più.
E il mondo che fa!?
Pensa per sé, non ha pietà.

Vedo un bambino con gli occhi arrossati,
vedo dei soldati coi corpi straziati.
Vedo una madre, cerca suo figlio
poi lo trova, li nel cespuglio.

Addio mamma, addio pap
addio anche a te, mia città.
Madre mia, diglielo tu all’amata mia,
che io muoio per la terra mia.

Non basta la fame, non basta il terrore,
c’è anche la neve su tanto dolore.
Candida e bianca, senza rumore,
tocca la terra e cambia colore.

Amico mio, c’è freddo laggiù!
Quella gente non ne può più!
E il mondo che fa!?
Pensa per sé, non ha bontà.

Vedo un bambino con gli occhi di pianto,
oltre la siepe si ode un lamento,
scorre il Miljacka torbido e impotente,
portandosi via i sogni di questa gente.

Scorre veloce, fino alla foce,
dove lascia i sogni ed una croce,
sperando, in quel giorno che ripasserà,
che la pace sia tornata in questa città!

Amica mia, aiutami tu,
tu che lo puoi, vola lassù!
Prendi la pace, portala giù,
prendi con te un ramo d’ulivo,
riporta la pace a Sarajevo.

– 10/04/2017

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *